Let´s Meet and Work together

22 set 2018 - 22 set 2018

IL RUOLO DEL PROCESSING UDITIVO CENTRALE NELLA RIABILITAZIONE DELLE IPOACUSIE

Corso di aggiornamento SIAF

Presentazione del Corso
 

La comunicazione si basa essenzialmente sulla processazione uditiva del messaggio verbale e sulle informazioni derivanti dal rimodellamento anatomico e funzionale conseguenti al deficit  uditivo. Nel soggetto ipoacusico bisogna quindi considerare anche gli aspetti attentivi, mnesici, cognitivi, relazionali in rapporto alle informazioni ambientali ed alle esperienze sensoriali.

Le più recenti evidenze nel campo della neuroplasticità rilevano infatti  che il deficit uditivo non è isolato, ma si associa ad un complesso insieme di alterazioni in molte sfere personali: neuropsicologica, emotiva e  cognitiva, che devono essere valutate in maniera approfondita. Il modello  del connettoma fornisce  una descrizione del network strutturale e funzionale tra  le aree corticali e le strutture subcorticali, valutando in maniera complessiva il risultato di un  deficit solo in apparenza “singolo”, come il danno uditivo, ma che in realtà coinvolge molte funzioni. L’attenzione, la memoria a breve termine e le funzioni esecutive sono una parte fondamentale dell’ascolto e della comunicazione e necessitano di essere allenate nelle metodiche di riabilitazione. Il ripristino della periferia uditiva  sia con metodiche chirurgiche,  impianto cocleare o protesi impiantabili,  sia con protesi acustica, deve necessariamente essere seguito da un intervento riabilitativo anche sulle abilità centrali che intervengono nella comunicazione.

Appare evidente che il percorso riabilitativo di un soggetto con ipoacusia non possa  limitarsi alla riabilitazione uditiva, ma necessiti di un percorso olistico che vada a stimolare più aree e domini.

login
+39 049 8601818

WebSite work in progress - Last update 26 november 2014